Un pezzo di moda lascia l’Italia

Un altro grosso pezzo di moda italiana dice addio al nostro Paese e si piega sotto la potenza del gigante con gli occhi a mandorla. A 60 anni dalla fondazione  dell’azienda, Krizia viene ceduta ai cinesi. Mariuccia Mandelli non ha ancora lasciato trapelare i dettagli della cessione che, ancora, non è stata effettivamente conclusa. Dovremmo aspettare aprile prima di conoscere il volume dell’operazione.

Certo è che l’acquirente è di tutto rispetto: si tratta di Shenzen Marisfrolg Fashion Co Ltd, azienda leader in Cina per il mercato del pret-à-porter più esclusivo. A guidare Krizia continuerà a essere comunque una donna, Zhu ChongYun che ricoprirà il ruolo di presidente del board e direttore creativo. La cinese ha voluto subito tranquillizzare i fans della casa di moda milanese, dichiarando di avere ben presente la forte identità del brand che però in questi ultimi anni ha sofferto molto il potere e le risorse maggiori a disposizione dei grandi concorrenti della moda.

Zhu vuole proporre una collezione che manterrà la fondamentale etichetta Made in Italy e che molto probabilmente debutterà a Milano nel 2015 durante la Milano Moda Donna. L’obiettivo, da un lato, è quello di aprire nuovi punti vendita nelle più grandi e importanti metropoli cinesi e, dall’altro, di riaprire gli store in Europa, Giappone e Usa. La sintonia con la Mandelli è stata immediata, dicono le due imprenditrici, e la fondatrice dell’azienda è sicura dell’affare considerando quanto sia grande la Shenzen Marisfrolg Fashion Co Ltd. Si tratta di un’azienda che nel 2013 ha chiuso con un giro di affari di poco sopra i 419 milioni di dollari e ha all’attivo oltre 400 punti vendita nei Paesi asiatici.

Ti piaciuto questo articolo? Perch non lasci un commento e continui la discussione, oppure iscriviti ai feed e riceverai gli articoli sul tuo feed reader.

Commenti

repertoire@otter.semesters” rel=”nofollow”>.…

ñýíêñ çà èíôó!!…

Pubblica commento

(obbligatorio)

(richiesta)