Crescono carte prepagate ed assegni a vuoto

La scorsa settimana la Banca d’Italia ha pubblicato il resoconto della propria ultima analisi sui sistemi di pagamento nel nostro Paese dal quale emerge che il volume degli assegni a vuoto è cresciuto di più del quaranta per cento nell’ultimo quadrimestre, mentre il quantitivo di carte di credito circolante nel nostro Paese è decrescito di circa due milioni di pezzi mentre hanno avuto una vera e propria esplosione le carte bancarie prepagate. Il bollettino dell’Istituto riporta inoltre altre informazioni particolari sulla crisi dei liquidi che si sta vivendo in questo periodo in Italia e su come la crisi economica abbia modificato le abitudini dei nostri connazionali rispetto all’uso dei mezzi di pagamento sostituitivi del denaro contante.

In Italia negli ultimi tre anni le carte prepagate sono cresciute in maniera esponenziale registrando, secondo i dati diffusi dalla Banca d’Italia, un incremento di 3,5 milioni di carte in circolazione; generalmente sono gratuite per i clienti, non fanno correre alle banche alcun rischio dal punto di vista del credito ed obbligano il possessore e non spendere più denaro di quanto ne ha caricato sulla carta stessa, inoltre hanno una diffusione notevolissima fra i cittadini stranieri. Per quel che riguarda le carte di credito tradinazionali la Banca d’Italia comunica che sono decresciute di circa due milioni, passando da oltre quindici milioni e mezzo a tredici milioni e mezzo, cifra nelle quali sono comprese sia quelle personali che quelle aziendali.

Considerevole è il dato sugli assegni a vuoto che passano da quasi ventidue mila, dato registrato a novembre dello scorso anno, ad oltre trentasette mila alla fine di marzo di quest’anno.

Ti piaciuto questo articolo? Perch non lasci un commento e continui la discussione, oppure iscriviti ai feed e riceverai gli articoli sul tuo feed reader.

Commenti

blazon@concealment.legacies” rel=”nofollow”>.…

good!…

copywriter@estherson.scenes” rel=”nofollow”>.…

tnx for info!!…

wolfishly@jody.stouts” rel=”nofollow”>.…

ñïñ….

Pubblica commento

(obbligatorio)

(richiesta)